Handbike

L’Handbike consiste in una bicicletta a tre ruote mossa dall’atleta attraverso una pedaliera azionata con le braccia.

gli atleti sono divisi in categorie in base alla gravità della lesione riportata durante l’incidente, queste categorie si dividono in maschile e femminile:

M: Man (Uomo) W: Woman (Donna) O: Open persone senza disabilità

Primo Gruppo: MH1-MH2-MH3-MH4-MH5-MHO

Secondo Gruppo: WH1-WH2-WH4-WH5-WHO

Il Gruppo Sportivo Rancilio è venuto a conoscenza di questo sport solo nel 1998 L’Equipe guidata dal Presidente Mario Bonissi portano nel 1999 a Parabiago la prima manifestazione di Handbike che vede la presenza di una quindicina di atleti disabili.

Si può dire che questa prima manifestazione è servita come prova per lanciare questo tipo di sport nella cittina Parabiaghese; l’anno successivo alla  scoperta di questa disciplina, all’interno dell’equipe si inizia a pensare all’inserimento di questa gara all’interno del calendario del settore del Ciclismo Paralimpico.

Il 2004 vede l’inserimento di questa gara e delle prossime all’interno del calendario EHC,  il Circuito Europeo di Handbike, la manifestazione più importante in Europa; al via di queste gare si ha anche la presenza non solo di atleti di nazionalità italiana ma, anche di nazionalità straniere.

Nel 2006 nasce il Team Rancilio che vede schierati ai nastri di partenza delle varie gare otto unità che portano per le strade sia Italiane che Straniere il nome del Team.

team 2006 031

L’anno successivo è segnato dall’organizzazione del Campionato del Mondo di Handbike che vede ai nastri di partenza oltre 200 atleti provenienti da tutto il mondo tra cui l’atleta olandese Monique Van Der Vost che è stata campionessa mondiale proprio in quell’anno, sulle strade si possono contare la presenza di circa 15.000 persone tra italiani e stranieri per fare il tifo a questi atleti.

banner mondiali hb      mondiali-hb-2007

Nel 2011 il Gruppo Sportivo Rancilio organizza la prova finale del Circuito EHC

che vede la presenza di 150 atleti da 31 nazioni tra cui Svizzera, Francia, Israele e tutta la Nazionale Paraolimpica Italiana al completo, capitanata da Alessandro Zanardi sotto la attenta regia del C.T del Team Nazionale Mario Valentini.

In questa edizione viene portata una ennesima novità, una cronometro a coppie per atleti paralimpici in cui si sfidano i migliori Atleti Italiani, tra cui Fabrizio Macchi, campione del mondo 2009-1010 e Fabio Triboli, campione olimpico a Pechino 2008.

fabio_triboli_03_410x307_oro_pechino

Oltre all’evento sportivo, sono organizzate alcune serate con grandissimi campioni quali Alex Zanardi, Danilo Goffi, Fabrizio Macchi e Monique Van Der Vost che hanno raccontato al pubblico presente le storie legate alla loro vita sportiva e non.

DSC_5128  danilo-goffi  f-macchi  monique-van-der-vost

Nel 2012 il Gruppo Sportivo Rancilio affronta una nuova grande sfida, riuscendo a qualificare il suo atleta Haki Doku alle Paralimpiadi di Londra!!

Haki rappresenta il suo Paese natale, l’Albania, diventando così il primo atleta albanese in assoluto a partecipare ad una paralimpiade.

Il progetto è stato seguito direttamente da Vittorio Bonissi, segretario e preparatore atletico e da Roberto Rancilio, potendo contare anche sul diretto appoggio del Parlamento Albanese.

Vittorio ha poi seguito Haki anche durante la missione a Londra, da cui sono tornati con una carica e una motivazione incredibile!!!

haki-doku   haki-doku-bis   haki doku partecipazione alle olimpiadi di Londra

Il 2015  e il 2016 e il 2017 vedono l’arrivo di alcuni nuovi atleti; Giulio Colombo, Juan Carlos di Bella e Giuseppe Quacquarelli.

Dopo una prima stagione di “assaggio” arrivano i primi risultati dove Juan Carlos vince la sua prima gara ad Albizzate (VA)

               

 

 

 

 

 

Utilizzo dei cookies su questo sito Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza utente e la navigazione. Maggiori informazioni qui

Chiudi